‘Case Studies’. Raccontare un progetto

‘Case Studies’ è il nome della collana di eBook bilingue, inaugurata lo scorso anno con l’intento di proporre strumenti di integrazione alla didattica caratterizzati da comparativismo, interdisciplinarità e multimedialità. L’iniziativa, ispirata dalle riflessioni emerse intorno ad un corso di formazione per docenti delle scuole secondarie, aderisce al proposito di diffondere un sapere inclusivo, teso a valorizzare le soggettività subalterne escluse dalle narrative istituzionali. 

Far emergere dall’oblio, dunque. Riportare all’attenzione quanto occultato dalla cultura egemone per contribuire ad una lettura critica del presente. Troppe le assenze e le discrezionalità nelle scelte e nelle proposte culturali, in particolare nella didattica ancora troppo dipendente dai manuali.

Ha scritto Emma Baeri: “Inaccettabile l’assenza delle donne (…), carente l’individuazione delle fonti, insignificante una metodologia di ricerca fondata sull’oggettività della conoscenza e sulla neutralità del sapere, disastrosa la ricaduta di questo modello di pensiero sulla vita del pianeta e delle persone che lo abitano” (Dividua, p. 44). Anche noi dell’Associazione culturale Se pensiamo sia necessario il superamento delle gerarchie nei saperi e, pertanto, proviamo ad introdurre nella nostra proposta culturale la ricerca della relazione fra soggetti differenti e diversi nel tempo e nello spazio, ripensandone i rapporti su basi di rispetto e reciprocità anziché di dominio. La geografia del dominio è, infatti, punteggiata da tante strade maestre sconosciute ai più, i corpi non ancora sottratti all’oscurità come, ad esempio, quelli degli animali che parteciparono a vario titolo alla Grande Guerra e a cui abbiamo dedicato il primo eBook della collana. 

Gli animali sono soggetti generalmente esclusi dalla narrazione perché non ritenuti detentori di biografie narrabili, per quanto la nuova tendenza degli studi storici, grazie all’ausilio di discipline come l’etologia, la psicologia, la veterinaria, permetta oggi di guardare ad essi con una diversa sensibilità, non considerandoli più come semplici beni d’uso, bensì come soggetti portatori di diritti e bisogni. Poiché gli eBook della collana ‘Case Studies’ sono principalmente indirizzati ad insegnanti e studenti delle scuole secondarie, fornendo agli uni riferimenti aggiornati utili al fine di sviluppare nuovi percorsi didattici in classe, e agli altri un supporto metodologico per svolgere lavori individuali o di gruppo a casa, ci è parso che dal punto di vista didattico proporre di studiare la Grande Guerra a partire dagli animali che vi parteciparono presentasse alcuni innegabili vantaggi. 

A partire dalla possibilità di spostare lo sguardo su soggettività ritenute subalterne, e pertanto escluse, provocando necessariamente un allargamento di orizzonti, non solo nella conoscenza di un singolo evento storico, ma anche nel modo di guardare all’oggi, alle guerre della contemporaneità ad esempio, e alla relazione spesso violenta che le giovani generazioni instaurano con chi è considerato più debole. L’assunzione dello sguardo animale come punto d’osservazione privilegiato sulla Prima guerra mondiale, per tornare alla specificità di un caso di studio, ne emancipa la narrazione manualistica, incentrata sui fronti, le perdite e le sconfitte/vittorie delle singole nazioni, poiché l’esperienza animale è estranea ai nazionalismi europei. Senza dimenticare, infine, che raccontare gli animali di guerra permette sconfinamenti geografici, linguistici e disciplinari, offrendo ad insegnanti di diverse discipline di sviluppare nelle classi percorsi realmente multidisciplinari, utilizzando fonti originali, in questo caso abbiamo attinto all’ampio patrimonio iconografico europeo.

L’asse  portante della nostra attività è la promozione dello studio della storia del Novecento, rivedendone gli assunti metodologici allo scopo di ampliare la definizione di una disciplina, che non sia più soltanto la “scienza dell’uomo nel tempo”, quanto piuttosto la “scienza dei viventi nel tempo”.  Si tratta di un’impostazione orientata all’inclusione. Desiderio, empatia, possibilità, le parole-chiave intorno a cui ruota e che riteniamo possano essere declinate anche attraverso altre discipline. Partendo da un unico caso di studio, trascurato dai manuali, è possibile integrare la didattica, aprendo a temi trasversali, quali la responsabilità, l’affettività, la differenza, la diversità, la solidarietà, e contribuire, forse, a salvare Franti.

 

Immagine: Soldato inginocchiato solleva un cane nel suo elmetto, 22 Dicembre 1917 © IWM (Q 10597)