Cavalli di guerra

Nell’agosto del 1914 Guglielmo II, annunciando l’inizio della guerra contro i paesi dell’Intesa, sostenne che i tedeschi avrebbero combattuto “fino all’ultimo soldato, fino all’ultimo cavallo”.

La Grande Guerra fu, in effetti, l’ultima guerra di cavalleria e la confisca dei cavalli da parte delle autorità militari è da considerarsi il primo atto di guerra rivolto a questi animali.

IMG_0325Si calcola che i cavalli impiegati nel conflitto furono circa 12.000.000. Arruolati al pari dei soldati, gli Imperi centrali poterono contare quasi esclusivamente sui cavalli allevati in centro Europa, in particolare in Ungheria e Cecoslovacchia, e dopo i primi combattimenti, quando i reparti a cavallo furono decimati, non furono in grado di rimpiazzarli con animali idonei; gli alleati dell’Intesa, al contrario,  poterono contare sul continuo rifornimento di cavalli provenienti dal Canada, dagli Stati Uniti e dall’Australia.

L’aspettativa di vita al fronte per questi animali estremamente sensibili non superava i dieci giorni. Accanto alle decimazioni seguite agli attacchi della fanteria a cavallo, essi furono vittime delle insidie della guerra di trincea, esposti alle mitragliatrici nemici, ai gas asfissianti e ai reticolati metallici. Inoltre, con il protrarsi del conflitto e l’immobilità dei fronti, la loro funzione militare venne ridotta alle retrovie, alle mansioni di trasferimento dei soldati e dei pezzi di artiglieria, oltre che del rifornimento. La riduzione di operatività ne rese le condizioni di vita pessime, a cominciare dalle scarse quantità di cibo, spesso marcio, e di acqua, generalmente inquinata.

IMG_0307Ad aggravare questa situazione si aggiunse, poi, la violenza dei commilitoni, i quali arrivarono a dover macellare gli animali più deboli per garantirsi il proprio sostentamento. Non migliore fu la sorte dei pochi reduci, che alla fine della guerra furono venduti ai mattatoi in prossimità delle aree di smobilitazione.

L’esperienza dei cavalli al fronte è stata generalmente trascurata dalla narrazione storica, essendo assimilata a quella del corpo militare di appartenenza, sebbene non mancarono tracce di queste presenze e delle esperienze crudeli di cui furono protagonisti nelle lettere e nei diari dei soldati.

Unknown-2La denuncia più vivida contro l’atroce quanto inutile macello di milioni di cavalli è custodita in alcune delle pagine più struggenti del romanzo Niente di nuovo sul fronte occidentale (Opac Sbn)dello scrittore-soldato Erich M. Remarque.

I sopravvissuti, dunque, furono pochissimi e solo qualcuno ebbe la fortuna di invecchiare e morire serenamente molti anni dopo la fine del conflitto. È il caso di Warrior, il cavallo del generale britannico John Seely operativo con il suo reggimento in Francia, che morì nel 1941 all’età di 33 anni.

Unknown-1La sua storia catturò l’attenzione dello scrittore Michael Morpurgo, il quale vi si ispirò per creare il protagonista del romanzo War Horse (Opac Sbn) pubblicato nel 1982 in cui la voce narrante è proprio quella del cavallo di guerra Joey.

Il romanzo di Morpurgo ha ispirato l’omonimo film di Steven Spielberg uscito nel 2011. Mentre nel 2014 Warrior è stato insignito della PDSA* Dickin Medal, un riconoscimento conferito agli animali che si sono distinti in guerra.

(*People’s Dispensary for Sick Animals)

Queste e altre storie sono le protagoniste di “Animali nella Grande Guerra”, un eBook bilingue italiano-inglese, di cui è in corso la campagna di raccolta fondi, affinché possa essere distribuito gratuitamente.

Puoi sostenere questo progetto attraverso il seguente link: http://goteo.cc/animaligrandeguerra

Stubby, un sergente americano sul Fronte occidentale

Nel 1915 i cani in servizio al fronte erano circa 2.000, il loro numero crebbe negli anni di guerra tanto che nel 1918 se ne contavano 20.000 unità. Il ruolo dei cani durante la Grande Guerra fu strategico.

THE FRENCH ARMY ON THE WESTERN FRONT, 1914-1918

Arruolati come i militari e appositamente addestrati, i cani furono utilizzati nelle operazioni di ricognizione per verificare che non vi fossero stati sabotaggi alle linee telefoniche, in quelle di recupero dei feriti e dei caduti nella così detta “terra di nessuno”. Spesso venivano paracadutati oltre le linee nemiche per raccogliere informazioni circa la presenza di gas venefici; mentre nelle zone particolarmente impervie, come ad esempio le Alpi, venivano utilizzati per trasportare armi e per trainare le lettighe dei feriti.

National-Archive-Official-German-Photograph-of-WWI-2

La maggior parte di loro morì sul campo. Molti vennero soppressi, perché gravemente feriti. Tra quanti sopravvissero furono selezionati i primi cani-guida per i ciechi di guerra. Solo alcuni divennero degli eroi pluridecorati.

THE ROYAL ENGINEERS SIGNALS SERVICE ON THE WESTERN FRONT, 1914-1918

Stubby fu uno di questi.

Membro del 102° reggimento di fanteria dell’esercito americano, seguì il suo compagno umano, il caporale Robert Conroy, dal Connecticut alle trincee della Francia, dove prestò servizio per 18 mesi. Stubby partecipò a diverse battaglie riportando numerose ferite, ma ogni volta dopo il periodo di convalescenza tornò in prima linea, guadagnandosi molte decorazione ed encomi. Per l’apporto dato alla cattura di una spia tedesca, fu insignito del grado di sergente.IMG_0882

Tale era la sua popolarità che quando gli americani entrarono a Château-Thierry, le donne della città realizzarono per Stubby il giubbotto su cui furono appese le sue numerose medaglie.

Tornato negli Stati Uniti divenne una leggenda nazionale, seguendo il suo padrone negli incontri pubblici dedicati alla guerra. Morì di vecchiaia nel 1926.

Il suo corpo imbalsamato con addosso il giubbotto con le decorazioni è esposto al National Museum of American History a Washington DC.

Queste e altre storie sono le protagoniste di “Animali nella Grande Guerra”, un eBook bilingue italiano-inglese, di cui è in corso la campagna di raccolta fondi, affinché possa essere distribuito gratuitamente.

Puoi sostenere questo progetto attraverso il seguente link: http://goteo.cc/animaligrandeguerra

Ginger (o Sandy), un gatto di guerra

Durante la Prima guerra mondiale furono circa 500.000 i gatti presenti al fronte, nelle trincee e sulle navi di guerra.

IMG_0990

Il loro compito ufficiale in entrambi i casi era quello di dare la caccia ai topi, benché alcuni fossero utilizzati anche come rilevatori di gas venefici. I doveri militari non ne esclusero, tuttavia, la loro adozione in qualità di mascotte e animali di compagnia.

IMG_0991

I soldati e i marinai consideravano la loro presenza e vicinanza di buon auspicio, una sorta di porta fortuna a quattro zampe in grado di proteggere gli umani. Era consuetudine per i militari portare con loro i gatti, ad esempio nelle lunghe traversate oceaniche che condussero le armate australiane in Europa. E tanti furono i gatti adottati nei paesi stranieri, lungo i fronti dove si trovarono a combattere.

Queste e altre storie sono le protagoniste di “Animali nella Grande Guerra”, un eBook bilingue italiano-inglese, di cui è in corso la campagna di raccolta fondi, affinché possa essere distribuito gratuitamente.

Puoi sostenere questo progetto attraverso il seguente link: http://goteo.cc/animaligrandeguerra

Cher Ami e gli altri. Una chiave di lettura per studiare la Prima guerra mondiale

Gli altri sono circa 200.000 piccioni arruolati e inviati al fronte, Cher Ami è il nome di uno di loro, un eroe medagliato della Grande Guerra.

I piccioni delle nostre città suscitano in noi una generale sensazione di fastidio. E se, con un certo sforzo di immaginazione, si arriva ad associare il colombo bianco alla pace, raramente si ricorda che i piccioni furono i protagonisti di uno degli eventi più traumatici della storia del Novecento.

Perché, dunque, il punto di vista di questi pennuti dovrebbe costituire una chiave di lettura interessante, oltre che utile sul piano didattico, per lo studio della Grande Guerra?

IMG_0897

Si provi a considerare per qualche istante cosa produrrebbe in chi ascolta sapere che nella guerra, in cui per la prima volta si fece un utilizzo su larga scala delle telecomunicazioni, le più importanti operazioni belliche furono condotte servendosi di piccioni viaggiatori. Già, proprio loro.

thumbnail-by-url-1.jsonLe battaglie della Marna o della Mosa-Argonne, le più importanti del Fronte occidentale, acquisirebbero certamente tutta un’altra allure.

I piccioni erano veloci, resistenti e, a loro modo, davvero impavidi. Volavano ad una velocità di 40km/h ed erano in grado di percorre fino a 100km senza sosta, recapitavano messaggi di vitale importanza per le truppe e svolgevano operazioni di spionaggio.

Cher Ami, ad esempio, durante i dodici viaggi compiuti da Verdun a Rampont riuscì a recapitare con successo tutte le comunicazioni. Durante l’ultimo viaggio, nonostante le ferite che ne ritardarono il volo, riuscì a percorre 40 km in 65 minuti, consegnando il messaggio che salvò la sua divisione.

c_cherami_display

Queste e altre storie sono le protagoniste di “Animali nella Grande Guerra”, un eBook bilingue italiano-inglese, di cui è in corso la campagna di raccolta fondi, affinché possa essere distribuito gratuitamente.

Puoi sostenere questo progetto attraverso il seguente link: http://goteo.cc/animaligrandeguerra